LO STATO DEL RACCONTO PER IMMAGINI

di Costanza Favero



L’AI (Associazione Illustratori), in collaborazione con il MUF (Museo Italiano del Fumetto e dell’Immagine di Lucca) ha organizzato il secondo convegno illustrazione, fumetto, cinema d'animazione:
LO STATO DEL RACCONTO PER IMMAGINI

 Venerdì 2 novembre, in contemporanea con LUCCA COMICS AND GAMES  si è tenuto il convegno organizzato dall’Associazione Illustratori per fare un punto sul tema del diritto d’autore in rapporto ai protagonisti della creazione di immagini.
I punti in programma. CONSAPEVOLEZZA DELL’AUTORE: DIRITTI E DOVERI DELLA PROFESSIONE; LA MISSIONE PRIORITARIA DI AI;
IL RAPPORTO TRA LA PARTE CREATIVA E QUELLA IMPRENDITORIALE


Tutti gli argomenti hanno avuto come focus quindi: la legge del diritto d'autore, le regole della contrattazione nello sfruttamento delle opere d'ingegno, i diritti e doveri delle parti coinvolte.
Come per il precedente convegno svoltosi in occasione di Bilbolbul (a marzo di questo stesso anno) la commissione legale A.I. presieduta da Ivo Milazzo, ha proposto la formula del confronto tra le parti creative della categoria, le parti imprenditoriali e le varie realtà che operano nel settore dell’immagine disegnata.Quindi un dialogo tra la realtà degli illustratori, fumettisti, visualizer, cartoon designer e la realtà dei gruppi editoriali, agenzie di pubblicità, agenzie di comunicazione, associazioni culturali, agenti, case di produzioni, aziende, agenzie di pubblicità.
 Inoltre il convegno ha visto protagonisti ben cinque legali provenienti da notevoli studi di diverse città italiane, tutti specializzati in diritto d’Autore e che, chiamati a intervenire su temi specifici di loro competenza, hanno avuto modo anche di intavolare un dibattito serio e approfondito sull’applicazione della legge del diritto d’Autore nell’ambito dell’immagine disegnata.

L’apertura del convegno è stata affidata a Ivo Milazzo, presidente A.I. a cui sono susseguiti i primi interventi dedicati alla consapevolezza del ruolo dell’Autore e alla presentazione dell’attività dell’A.I. .L’avv. Valentina Baldisserotto , esperta in diritto d'autore e proprietà intellettuale e consulente AI per il settore illustrazione ha fatto un ritratto base dell’Autore delineando le caratteristiche delle opere d’ingegno tutelate, ha inoltre parlato delle modalità consigliate per  trasferimento dei diritti d’autore ( per iscritto o con contratto da firmare prima di eseguire il lavoro).
Con l’aiuto di slides ha illustrato uno specchio delle richieste di consulenza legale specifica che l’A.I. riceve dagli Autori: la maggiorante di queste, circa il 90%, avvengono a lavoro terminato e in conclusione Il nostro avvocato  infatti proclama ” prevenire è meglio che curare”: una buona contrattazione anticipata risolve meglio e con minori sforzi tutti i problemi !
Per introdurre l’A.I. anche a chi già non la conosce, si è parlato del percorso trentennale per il riconoscimento dell'illustratore come Autore di opere dell’ingegno che l’associazione ha seguito e a questo si è aggiunta una introduzione e spiegazione del CODICE DEONTOLOGICO A.I. ,il cui scopo è fornire a tutti i membri dell'Associazione un insieme di norme e proporre indicazioni di etica e buona condotta professionale, argomento è stata trattato da Costanza Favero ( commissione legale A.I. ).


L’intervento dell’Avvocato Raffaella Pellegrino (esperta in diritto d'autore e proprietà intellettuale, consulente esterno AI) ha riguardato la gestione professionale degli autori di immagini, un ’excursus’ nei vari settori di applicazione e specializzazione per cui il  professionista può cedere l’utilizzo dei suoi disegni.

Sono susseguiti gli interventi di Paolo D’Altan a proposito 
del problema e delle difficoltà di proteggere opere digitali immesse nella rete :
i metodi per tutelarle e proteggerle da usi impropri e non autorizzati.
L’A.I. fornisce dei consigli pratici ed indicazione dettagliate ( vedi ‘COME PROTEGGERE le proprie IMMAGINI ‘).

A seguito gli interventi degli avvocati :

L’argomento trattato dall’Avvocato  Laura Turini (direttore di Brevettinews.it
consulente in proprietà industriale è:‘Differenza tra trademark e copyright ‘ 
Con l’aiuto di esempi  visivi espone un’analisi di un ‘fumetto’ sotto il profilo di nome, marchio e personaggio ( portando ad esempio DIABOLIK ).In sintesi alcuni assunti: 
“Il personaggio è tutelato in maniera autonoma rispetto all’opera nella quale è rappresentato a condizione che presenti caratteristiche biografiche fisiche e psichiche idonee a distinguerlo da altri soggetti.
“Il marchio tutela il nome di un prodotto o di un servizio.
Tra i prodotti sono inclusi gli stampati (classe n. 16)”
“Il nome del personaggio non ha una tutela autonoma
distinta dal personaggio stesso può acquistare una sua autonomia
se è particolarmente famoso.”
In base all’art. 100 L.A. il titolo di un’opera è strettamente connesso all’opera stessa ed impedisce ad altri di utilizzare lo stesso titolo per opere dello stesso genere”.

Gianluca Testa, che ha filmato tutto il convegno, ne ha dato un  anteprima sul sito
LOSCHERMO.IT  aprendo con una notizia curiosa a proposito proprio dell’uso del ‘nome’ di un fumetto per un marchio di abbigliamento :
Diabolik? In Europa è un marchio di magliette coi teschi. A Lucca si parla ancora di diritto d’autore.
l’Avv. Elisa Vittone (specializzata in diritto d'autore, diritto della proprietà industriale e della concorrenza) ha presentato il suo argomento con l’aiuto di immagini esemplificative
 “ Riproduzione, adattamenti ed elaborazioni dell'opera. Qualche accenno al diritto di seguito “.
Nonostante la complessità dell’argomento i disegni hanno reso più facile la comprensione del tema.

E’ seguito il turno dell’Avv. Francesca Perri  (specializzata in diritto della proprietà industriale e intellettuale - Tonucci & Partners, Roma) che ha parlato de “Le criticità e le soluzioni nella gestione del rapporto contrattuale tra autore e imprenditore “ 
con un linguaggio chiaro e portando alcuni esempi.

Elisa Comito per STRADE, sindacato traduttori, è intervenuta su ”Il cantiere" di strade: la costruzione di un'impalcatura legale per i diritti degli autori” e ho portato l’esperienza della sua organizzazione nel campo della difesa delle opere protette dalla LdA : molti sono i punti di contatti con l’operato e le difficoltà riscontrate da A.I. in questi ultimi anni.

Luca Boschi, fumettista e giornalista italiano, Direttore Culturale di Napoli Comicon, ha condotto e moderato il dibattito portando il suo contributo ai vari temi.

Il convegno, durato quattro ore è stato come già detto è stato interamente filmato da Gianluca Testa de Lo schermo.it, sarà disponibile quanto prima sui canali A.I.

E’ intervenuto anche Marcello Toninelli (autore di Fumo di china).

Alla conclusione del pomeriggio di lavoro si è convenuto sull’estrema importanza e complessità delle tematiche che devono necessariamente essere affrontate nuovamente e approfondite in successivi convegni, ecco alcuni punti:

"Stabilito per legge che un’autore è inquadrato come base fiscale di categoria ‘’in attività di cessione di diritti’’ con fatturazione (del 20% sul 60% o 75% ed esenzione IVA per l’attività svolta nel campo editoriale)  questi e' tale a prescindere se propone il suo lavoro in maniera autonoma o è chiamato da un imprenditore a realizzare un' opera dell'ingegno
- E’ da considerarsi  legittimo e consigliabile per gli Autori che l’opera di ingegno non venga fiscalmente assoggettata a una ‘ prestazione occasionale’ al di fuori dall'inquadramento di legge ( se non per volontà dell’autore che accetta una posizione ‘di ripiego’ rinunciando ad alcuni diritti che la legge, giustamente interpretata, gli può attribuire) 
- Nell’ambito editoriale un autore (ma anche in altri settori di impiego dell’immagine disegnata ) e’ tale per quanto prodotto, la legge in questo è chiara: a prescindere ad esempio se il disegnatore è creatore o meno del personaggio seriale nella collaborazione di riferimento, la sua opera
in quanto  appartiene ad un arte e ha caratteristiche creative ( quali impronta personale,impegno estetico e originalità) rientra tra quelle tutelate ai sensi della LdA.
- Inoltre, altro aspetto importante, non essendo l’autore di immagini un personaggio pubblico quale un attore o persona di spettacolo, ci si interroga su l’inquadramento previdenziale adatto alla categoria.
Infatti, il recente inserimento de 'i disegnatori'  nella categoria previdenziale
 ’ ENPALS’ non sembra essere la soluzione idonea.
Molti altri sono gli argomenti riguardo ai quali c’è la necessità di chiarimento e di stabilire in modo chiaro una linea da seguire.

“Ciò che si è evidenziata, come dice Ivo Milazzo  “ è la necessità di trovare le giuste risposte legali per uscire da metodiche non corrette e anomalie.
 Questo puo' avvenire solo continuando nella sinergia tra gli avvocati intervenuti…
Come associazione di categoria ci proponiamo infatti di offrire ai soci sempre più indicazioni e parametri certi per una giusta e proficua condotta professionale”

I legali si sono detti disponibili a trovare queste risposte attraverso la propria capacità ed esperienza professionale e questo è fondamentale per portare avanti il discorso con solide basi.

La commissione legale per il prossimo convegno l’Ai si propone di organizzare l’evento in un momento estraneo a manifestazioni di categoria cosicché i partecipanti possano arrivare  appositamente e dedicare la loro attenzione allo 

svolgimento dell’incontro.
Inoltre ci proponiamo di organizzare gli interventi dei vari relatori ad orari stabilititi in modo da riuscire a concentrare in breve tempo  gli argomenti salienti e contemporaneamente poter attirare l’attenzione dei partecipanti sulla parte di loro maggiore interesse.

Costanza Favero e Ivo Milazzo 
COMMISSIONE LEGALE A.I.


Categories:

Leave a Reply